LORENZO PUGLISI

 

LA PITTURA E L’ORIZZONTE DEGLI EVENTI

 

con un testo di

MARCO TONELLI

 

Lorenzo Puglisi

 

È la prima personale di Lorenzo Puglisi ad essere ospitata presso la Galleria Santo Ficara di Firenze, proprio mentre il pittore è presente alla Biennale di Venezia presso il Padiglione della Siria.

Sono esposti nove dipinti realizzati tra il 2019 e il 2022 tipici della sua ultima produzione in cui da fondi neri, compatti e duri, emergono come larve frammenti di mani, piedi e volti lividi, nelle stesse pose e atteggiamenti di quelli dei dipinti antichi da cui sono stati letteralmente prelevati (da Caravaggio a Leonardo a Tiziano).

La pittura di Puglisi, seppure consapevole e debitrice della pittura dei Grandi Maestri del passato, non ha niente a che fare con citazionismi e manierismi, bensì dipinge sempre al presente guardando al futuro della pittura. Attualizza non tanto la tradizione ma il gesto pittorico contemporaneo, proiettandone la luce oltre la lontananza della memoria.

Individuando opere emblematiche e non indifferenti alla storia dell’arte, Puglisi mantiene viva l’ambizione della pittura a farsi storia, a trasmettere una eredità anche collettiva, pur nel gesto drammatico, estremo, al limite della cancellazione delle sue anatomie senza corpi.

 
Biografia
Lorenzo Puglisi (Biella, 1971) vive e lavora a Bologna.

E’ autore di una ricerca pittorica caratterizzata dall’utilizzo diffuso del nero per creare uno sfondo di buio assoluto da cui sprigionano fiotti di luce capaci di definire volumi, volti, parti del corpo, come delle presenze catturate in un’espressione o in un gesto, in un percorso verso l’essenzialità della rappresentazione e denso di rimandi alla storia della pittura. Negli ultimi anni la sua ricerca artistica si è concentrata su grandi tele riferite ad opere del passato e filtrate dalla sua iconografia. Numerose le mostre personali e collettive in spazi pubblici e privati in Italia e all’estero, tra questi, il CAC La Traverse a Parigi, Il Pio Monte della Misericordia di Napoli, il Kulhaus di Berlino, Villa Bardini a Firenze, The Historical Museum di Brema, la Cripta della Chiesa di King’s Cross St. Pancras a Londra, Il Museo Riso a Palermo, la Sagrestia del Bramante a Milano, la Moore House di Norman Foster a Londra, Il Museo Marino Marini a Firenze. Nel 2017 ha esposto un suo dipinto, La misericordia, a Napoli, accanto al Capolavoro di Caravaggio Le sette opere della misericordia. Nel 2019, in occasione della sua mostra personale Il Grande Sacrificio nella chiesa di Santa Maria delle Grazie a Milano, ha esposto un dipinto ad olio su tavola lungo sei metri raffigurante la sua visione del Cenacolo Vinciano, per commemorare il 500esimo anniversario della morte di Leonardo Da Vinci; una monografia sul suo lavoro è stata pubblicata dall’editore tedesco Hatje Cantz (Berlino), con un saggio di Mark Gisbourne. Durante Frieze London 2019 ha esposto nella Cripta della Chiesa di King’s Cross St. Pancras a Londra e nello stesso anno il direttore degli Uffizi dott. Eike Schmidt gli ha commissionato un autoritratto per le collezioni delle Gallerie degli Uffizi.  Nel 2020 ha inaugurato una mostra nella Basilica di Santo Spirito a Firenze con uno dei suoi dipinti, Crocifissione, davanti alla crocifissione lignea di Michelangelo.  Nel 2021 ha tenuto una esibizione dei suoi lavori al Museo Nazionale della Lettonia a Riga (Art Museum Riga Bourse) in collaborazione con Le Gallerie degli Uffizi di Firenze, che per l’occasione hanno prestato il Ritratto di uomo del Tintoretto. Nel 2022 il suo dipinto Autoritratto è entrato nella collezione delle Gallerie degli Uffizi con un catalogo edito per l’occasione e farà parte del nucleo di duecento opere dal 1500 fino ai giorni nostri in esposizione nel nuovo allestimento del museo fiorentino. Nello stesso anno è invitato ad esporre i suoi dipinti alla 59esima Biennale di Venezia nel padiglione Arabo-Siriano sull’isola di San Servolo, allestendo una mostra intitolata Viaggio al termine della notte.

 
Dal 28 maggio al 30 giugno 2022 / Orario dal lunedì al sabato 10.00/12.30 – 16.00/19.00